Accompagnare l’altro, significa…

logorubricaAccompagnare l’altro,

         significa essere aperti alla relazione.

Accompagnare l’altro,

         significa prendersi il tempo di stabilire il contatto.

Accompagnare l’altro,

         significa rispettare il suo passo,

         senza cercare di precederlo,

         né rimanere indietro.

Accompagnare l’altro,

         significa riconoscere ed accettare le diversità.

Accompagnare l’altro,

         significa rispettare le sue scelte,

         senza imporgli il nostro punto di vista.

Accompagnare l’altro,

         significa permettergli di condividere le sue emozioni.

Accompagnare l’altro,

         significa comprendere ciò che dice

         attraverso le lacrime, la collera, la speranza, l’abbandono.

Accompagnare l’altro,

         significa essere solidale accogliendo la sua unicità.

Accompagnare l’altro,

         significa accogliere le sue parole,

         affinché il senso della sua parola non sia

         distorta del nostro modo di percepirla.

Accompagnare l’altro,

         significa sospendere il nostro giudizio, la nostra scala di valori.

Accompagnare l’altro,

         significa ascoltare e sentire oltre la parola espressa.

Accompagnare l’altro,

         significa esserci.

di Tony Fournier

Tratto dalla rivista dell’AETPR infos nr. 34, primavera 2014

Association Européenne de Thérapie Psychocorporelle et Relationnelle